giovedì 27 novembre 2014

gli artigiani della quantità..

gli zigomi della Ferilli minacciano di esplodere da un momento all'altro e fare vittime. Ormai è un pericolo per la salute pubblica. E' solo questione di tempo.
                                 Secondo me glieli fabbricano gli artigiani di Poltrone & Sofà.

"noi siamo i giovani.."

diversi anni fa, non ricordo quanti, Michele Santoro mi passò accanto nella veranda del Barbagianni. E io gli dissi "nel tuo programma non ci sono i giovani. Non ci sono mai. Di quale mondo parlate se tra gli ospiti non ci sono giovani, se tra chi fa il programma non ci sono giovani, se nel pubblico non ci sono giovani?".
Stasera, sentendo la terrificante piccola imbecille indemoniata renziana a Anno Uno ho drammaticamente cambiato idea.

martedì 25 novembre 2014

America: lei ha il diritto di tacere. E taccia..

i media americani (praticamente tutti) trattavano il caso di Amanda Knox con una spocchia nei confronti della giustizia italiana che faceva venire l'orticaria.
Qui nessuno vuole fare l'avvocato d'ufficio del nostro sistema giuridico, della nostra giustizia, e comunque sarebbe una battaglia persa. Ma il casino che sta succedendo negli USA per il poliziotto che a agosto uccise un 18enne di colore consiglierebbe più prudenza nel pontificare, e soprattutto consiglierebbe di far tesoro di quel vecchio detto che suggeriva, prima di andare a ravanare altrove, di badare alla zacchera che si ha in casa propria.

venerdì 21 novembre 2014

some things never change..

un giovane e gagliardissimo Matteo Salvini a La Ruota della Fortuna (pure? Se li è fatti tutti sti programmoni?..) che interrogato dal conduttore su cosa facesse nella vita rispose "nullafacente". Certe cose non cambiano.


ohè ohè Mister Mannarino..

al tg3 i servizi-marchetta su quella nullità cosmica di Mannarino sono diventati una rubrica fissa, come le previsioni meteo. Che cazzo di notizia può essere il concerto non-so-dove di ieri sera di questo colosso della musica? Eppure quello appena trasmesso è il secondo in due settimane. Ps: non sapete chi è Mannarino? Appunto.


giovedì 20 novembre 2014

ETERNITà.. spalanca le tue braccia..

dopo l'orrore della sentenza di ieri che ha piazzato una pietra tombale sulle responsabilità criminali di un disastro ambientale che ha causato 3000 morti (e non è finita qui) per "sopraggiunta prescrizione" del reato, con i responsabili della strage che dalla Svizzera mandano cari saluti e baci, un piccatissimo Renzi ha detto con piglio severo (ma per piacere..) che bisogna "cambiare le regole della prescrizione": Ah si?
Perchè fin'ora quello che io ho visto (ma forse sono io che sono malizioso) sono stati dei gran magheggi per riformare il più in fretta possibile la durata delle ferie dei magistrati, i loro stipendi e la loro responsabilità penale, e poco c'è mancato che si proponessero le bacchettate sulle chiappe o qualsiasi cosa suonasse anche solo remotamente punitiva.
L'impressione è che le priorità nella riforma della giustizia le abbia dettate quella brava personcina del pluri-indagato Verdini per interposta (pregiudicatissima) persona.
Ma forse sono io che sono malizioso.


martedì 18 novembre 2014

i lesionati.

"turbamento d'animo e lesioni psichiche". Con tutto il rispetto ma questa parte specifica della richieste di risarcimento avanzate oggi da una rappresentanza della popolazione gigliese mi sembra una cagata pazzesca. Un conto sono le richieste d'indennizzo per la svalutazione immobiliare, ammesso che la si dimostri. Un'altro sono le "lesioni psichiche" (?!..).
Ho capito che uno ci prova. Ma su..

lunedì 17 novembre 2014

l'eccellenza del made in Moldova, pardon Italy.

i tg e i programmi di approfondimento strabordano della presenza del loquacissimo premier che oggi qui domani là non si sottrae ad una singola occasione per alluvionarci con la peggiore propaganda di stampo paleolitico-democristiano (quella berlusconiana al confronto era avveniristica) sulla sinistra che vince, sull'Italia che vince (devo aver visto un altro film), sul futuro che ci sorride perchè riforme importantissime tipo le ferie dei magistratti o tutte le altre (una miriade, perlomeno in cantiere) confezionate ad uso e consumo delle quotazioni Mediaset e a braccetto con quel ceffo impresentabile di Verdini e sotto il severissimo sguardo vigile (seppur apparentemente non sveglissimo) di quel tripudio ambulante di inettitudine di Angelino Jolì Half-Ano ci renderanno ricchi felici e beati se non domani al più tardi dopodomani. Poco importa se tutti i dati, tutti i segnali, tutte le informazioni che ci giungono da ogni dove raccontino tutta un altro cazzo di storia. 
Ma probabilmente si tratta di gufi (le baldracche e gli sguatteri di Berlusconi li chiamavano "invidiosi" ma più o meno siamo li), probabilmente si tratta di sfigati (Andreotti le chiamava cassandre ma più o meno siamo lì), quei rompicoglioni che non spendono 1000 euro per una cena con cotanto premier e scodinzolante seguito, ma che con quei 1000 euro devono camparci e mandare avanti una famiglia, pensa che culo, ammesso che siano tra gli ormai non tantissimi miracolati che almeno quei 1000 ce l'hanno (1080 per l'esattezza, prego), e non certo quell'Italiona florida e vincente, la Milano da ribere, l'eccellenza del Made in Italy e bla bla bla, peccato solo che traslochi il lavoro in Moldova e le sedi fiscali chissà dove nella simpatica affollatissima galassia dei paradisi fiscali e che ha l'I-phone e non i gettoni, tiè. 
Intanto però questa faccia di merda non ha ancora avuto il coraggio, i coglioni e soprattutto l'onestà di andare a farsi tirare due carciofi dalle parti di Genova, tanto per fare un esempiuccio, men che mai le sue griffatissime ministre e la sua nutritissima stuola di lacchè, che il problema non sarebbe neanche quanto siano incapaci (mediamente un sacchissimo) quanto che siano utili come la forfora. Più lo sento blaterare negli ormai perpetui sermoni propagandistico-elettoral-autocelebrativi sparati no-stop da ogni tv-sito-testata-agenzia più il mio rispetto per le idee politiche altrui mi fa giungere a una conclusione: che gli italiani (comunque moltissimi di loro) che dopo Craxi e Berlusconi sono stati capaci di farsi infinocchiare dall'incontinente boyscout laureando a La Ruota della Fortuna siano dei poveri imbecilli, e quelli che hanno pure il cattivo gusto di definirsi non dico "di sinistra" ma perlomeno "progressisti" lo siano se possibile (e si che è dura) pure di più.



mercoledì 5 novembre 2014

oche Moncler: a difesa della categoria (delle oche)..

Stefano Gabbana twitta a Report in risposta al servizio sulle oche Moncler spennate vive: "ma voi sapete cos'è il lusso?" (con diversi punti interrogativi in perfetto bimbo-minkia style). 
 No: noi sappiamo cos'è una pseudo-sartina semianalfabeta isterica arricchita e in odor di maxi evasione fiscale. Altro non sappiamo.


martedì 4 novembre 2014

il peggio del peggio.

sentir dire a Renzi che la sentenza passata in giudicato di Berlusconi e il rinvio a giudizio del caro Verdini appartenono alla "loro sfera privata" mi fa sospettare che quest'uomo sia pure peggio di quanto sin'ora io abbia sospettato. 
E si che ho sospettato il peggissimo.



lunedì 3 novembre 2014

Britney said no more.

Britney ha fatto quello che secondo me è la cosa più naturale del mondo: dire basta quando la vita si fa insostenibile. Io ho sempre trovato insopportabile la retorica della vita che è sacra sempre e comunque. Nulla di più falso. La vita è sacra quando è dignitosa. E quando il dolore si fa troppo forte e soprattutto irreversibile, allora la dignità della vita mi sfugge, non afferro il senso di un martirio lento, penosissimo e che soprattutto non è utile a nessuno, mi fa orrore il kamikazismo della sofferenza a oltranza. E a Britney e tutte le Britney di questo mondo non deve servire l'approvazione di alcuno.
Finchè c'è anche solo un barlume, una pur flebile luce in fondo al tunnel allora è sacrosanto fare tutto ciò che è possibile e anche di più. Ma quando quello che ti resta è solo dolore e sofferenza insopportabile, allora no grazie: si fa basta. E chi dice il contrario, magari con una copia della Bibbia in mano, non solo farnetica. Ma mente sapendo di mentire. Anche perchè in genere si tratta di persone a cui il tumore incurabile al cervello non è proprio toccato. Facile, eh?
Ciao bella ragazza coraggiosa.

sabato 1 novembre 2014

nel blu dipinto di blu..

il povero (si fa per dire) Richard Branson si è visto esplodere come un petardo la sua amatissima (e non economicissima) Spaceship 2, la navicella che avrebbe dovuto inaugurare la storia del turismo spaziale (Sharm El Sheik chi?..). E' esplosa durante un giro di prova, e quando ciò è avvenuto purtroppo a bordo non c'era nessuno dei paperoni americani disposti a sborsare 250.000 dollari per l'eccentrica gitarella fuori porta. E soprattutto, purtroppo, non c'èra quella piaga sociale di Lady Gaga che avrebbe dovuto cantare durante la "crociera" di inaugurazione (una specie di Mariano Apicella post-moderna). Riprova, Richard: sarai più fortunato.
E noi auspicabilmente pure.


venerdì 31 ottobre 2014

Palloween..

non sono pregiudizialmente contrario al fatto che la nostra società (italiana, intendo) assorba qualcosa di tutto quello che ciclicamente, nei decenni, arriva dagli Stati Uniti. Non lo sono mai stato (sono pur sempre una Supremes queen) e non potrei esserlo ora, in tempi così esosamente informatizzati, dove basta veramente solo un click per trovarti sotto il naso ciò che succede nel mondo. E figuriamoci se sono uno di quelli che pensa che la nostra cultura sia una specie di fortino blindato, inviolabile, da cui non si esce e non si entra. Per carità. Lo scambio a volte arricchisce e bla bla bla. Tra l'altro, a proposito di scambio, molte di quelle che normalmente definiamo nostre tradizioni gliele regalerei volentieri agli americani, ma pure ai finlandesi e gli indonesiani: prendetevele voi, grazie, e possibilmente tenetevele. Tutto giusto, tutto bello. Tranne Halloween.
Campassi tre vite non riuscirei ugualmente a capire che cazzo è sta festa di Halloween. Sai cosa vuol dire niente? Ecco: a me di Halloween non me ne frega niente, una minchia, una pippa, una rimarola. Negli USA e in altri paesi anglosassoni ci si maschera,e naturalmente va benissimo, ma è una specie di martedì grasso. E noi ce l'abbiamo. Da quelle parti nugoli di bambini vocianti vanno a giro a fracassare i coglioni alla gente con quel mantra urticante (dolcetto o scherzetto) che a me per puro istinto fa venire voglia di prendere il mocio Vileda e corrergli dietro per le scale e consigliargli di rivolgersi più prudentemente a quei mignottoni delle su' mamme ( a Orbetello diremmo budelli ma sono sfumature), e più o meno è la stessa solfa della nostra befana (dolci o carbone), altra festa che alla mia non più tenerissima età sto ancora aspettando che qualcuno mi spieghi che cazzo rappresenta (e noi ce l'abbiamo pure in rosso sul calendario). Se a tutto questo aggiungi pure qualche degenerazione (ci vogliamo mica privare di qualche malato sociopatico che come al solito la prende larga) della caccia ai gatti neri, il quadretto è completo.
A volte cerco di convincermi che quel non so che di esoterico, di macabro, di funereo sia una componente irrinunciabilmente ghiotta per le orde di pirla che popolano sto povero pianeta (come te li spieghi sennò gli sfigati del death metal e quelle favate di telefilm sugli zombi per i quali sbavano milioni di adolescenti peticellosi e in fregola?), ma che cazzo c'è di esoterico in una zucca vuota? Ma davvero: che mi deve rappresentare? Se proprio dobbiamo essere esoterici facciamo le cose per benino e diamoci alle orge sataniche. Che con qualche aggiustatina non devono neppure essere malaccio.
E che se non altro non implicano la presenza dei piccoli rompicoglioni e la cantilena "dolcetto o scherzetto" delle maiale delle su mamme..


martedì 28 ottobre 2014

los sdegnados..

per la tangentopoli spagnola (fregnacce al paragone del sempiterno albero della cuccagna da cui gozzovigliano i nostri) che ha coinvolto soprattutto membri della sua area politica, il premier Mariano Rajoy ha chiesto scusa al popolo spagnolo, parlando di nomine evidentemente affidate a gente indegna. Ma come?!
Niente "giustizia a orologeria"? Niente "magistratura politicizzata"? Niente "sono sereno"? Niente "massima stima"? Niente "a sua insaputa" etc etc?
Ahi ahi ahi...


venerdì 24 ottobre 2014

madama Leopolda..

ma quanto gli roderà il culo a quelli della Leopolda (leggi yuppies renziani sgomitoni e scodinzolanti) che domani i sindacati rischiano di trascinare un fiume di gente in piazza?
Perchè, di grazia? Voi ve ne starete comunque comodi comodi al calduccio a disquisire di fuffa e a continuare a farla lunghissima su questa vomitevole faccenda dell'identità del PD, mentre la sinistra (sinistra? what's sinistra?) invaderà Roma.
 Non vi riguarda. Non c'entrate niente. State sereni.



non ci sono più le mezze stagioni..

possibile che ormai debba essere sempre e solo Papa Francesco a mettere l'accento su istanze progressiste, modernissime, di civiltà? L'ergastolo è un abominio inutile. Un mondo civile non può concepire che un criminale sia una persona da destinare alla morte sociale, che ci si limiti sbrigativamente a buttare la chiave, che non debba essere fatto nessun tentativo di fargli prendere coscienza, di intraprendere un nuovo percorso, di rimediare in qualche modo al male che è stato fatto. Trent'anni sono una vita. Bastano e avanzano.
Ecco perchè Bergoglio ha di nuovo pronunciato parole sacrosante. Ma come ci si sente, là dalle parti dei progressisti italiani, dalle parti della "sinistra che vince" (sic) ad essere sempre un passo indietro?




martedì 21 ottobre 2014

un rotolone di merda via l'altro

perchè dovrebbe fregarmene uno stracazzo del parere di Giuliano Ferrara sulle unioni civili o i matrimoni gay? A quale titolo è ospite di Ballarò a sciorinare favate oscurantiste sul tema (un prelato, ospite a sua volta, al confronto sembra Lady Ga Ga)? Cos'è, una provocazione? Ma Giannini e combriccola che piagnucolano perchè i talk show sono in emorragia cronica di ascolti (e credibilità) si rendono conto o no che sono ste schifezze che stanno affossando i loro surreali programmi? Perchè mai al mondo dovrei starmene qui a bramare l'approvazione di quella vecchia scorreggia di Ferrara per avere gli stessi diritti di chiunque altro?
E che tipo di contributo può apportare alla discussione, se posso chiedere? E' un giurista? Un costituzionalista? Una guida spirituale? Un rappresentante dell'associazionismo gay? E' un rappresentate del governo? E' uno delle decine di sindaci che hanno deciso di gettare nel cesso le deliranti circolari di Half-ano? No. E' il direttore di un quotidiano con una tiratura pietosa che campa grazie alle briciole delle elemosine che Berlusconi ancora elargisce ormai estremamente malvolentieri, a quello che si apprende, a lui per parlare e alle baldracche per tacere.
E allora perchè è stato invitato (unico giornalista) a commentare non solo l'attualità grottesca e e urgentissima dell'arretratezza legislativa di questo paese sul tema ma pure a snocciolare le sue convinzioni morali personali di cui non gliene frega un cazzo a nessuno? Al termine di una giornata in cui Alemanno e Salvini sono apparsi rispettivamente in tre talk show diversi, da mattina a notte fonda, anzichè avere il buon gusto di starsene a fare il lavoro per cui sono profumatamente pagati con i soldi dei cittadini, ci mancava solo il gran finale con questo rollè di merda che dà la pagella ai miei diritti e doveri.
Giannini, tesoro: ma vedi d'andà affanculo.


come si dice in polacco rotolone di merda?


Questo bel rotolone di merda è il nuovo favoloso alleato europeo di Grillo e della sua confraternita di scappati di casa, in sostituzione di quell'altro mezzo scemo di Farage.
 Lo ha annunciato Grillo stesso giusto ieri sera con toni poco meno che trionfanti. E ora godiamoci (soprattutto voi grillini) un aforisma di questo colosso della politica polacca e facciamone tesoro: «Picchiare la moglie in certi casi la aiuta a tornare con i piedi per terra».
 In attesa che ci regali qualche altra perla tipo "l'omo ha da puzzà" facciamoci bastare questa.


lunedì 20 ottobre 2014

l'importante è arrivare alla meta sani e salvi(ni).

dopo il merdone di figura nella sua Genova dove è stato sonoramente contestato assieme al suo suscettibile plotoncino di guardaspalle, dopo aver espulso (senza neppure la solita farsa della consultazione on line) quattro dissidenti che al megaraduno (mica tanto mega, a dire il vero) del Circo Massimo hanno osato prendere la parola sul palco e esprimere qualche perplessità sulla trasparenza interna (reato di opinione, anybody?..), dopo aver deciso di non battere ciglio mentre nel gruppo europeo di cui il M5S fa parte si decideva che il prode Farage fosse sostituito con quel mezzo scemo polacco che tempo fa propose di togliere alle donne il diritto di voto, mentre i sondaggi non sono entusiasmanti e il sostantivo "bollito" viene ormai con una certa frequenza abbinato al suo nome, il fanculatore compulsivo della politica italiana Grillo decide di raspare il barile e venirsene fuori con le solite quattro favate razziste di salviniana manifattura, che se stanno riportando il favoloso partito dei ministeri padani e soprattutto dei diamanti tanzani sulla cresta dell'onda allora perchè non dovrebbero funzionare con noi?.. Ma davvero in così tanti vi siete fatti coinvolgere in questo zozzumaio?