LABELS

ALTROVE (646) UN ALTRO GIORNO (212) QUI E ORA (97) NOTE (8)

giovedì 14 dicembre 2017

l'inferno è mio e decido io

Il bio-testamento è legge dello Stato. Uno Stato che per fortuna in qualche rara occasione si ricorda di essere laico. Perciò cari cattolici attaccatevi al cazzo, voi e tutti i baciapile che ancora infestano le nostre istituzioni (laiche). 
Questo paese non vi impedisce di schiattare affogati nella vostra stessa merda fino ad esalare l'ultimo respiro. Accomodatevi pure. A casa vostra però. 
Perché la notizia è che avete smesso di decidere anche per gli altri. 
Almeno su questo.


martedì 12 dicembre 2017

amici complici amanti

A scanso di equivoci Amnesty International lo mette nero su bianco: "Sostenendo le autorità libiche nel fermare le traversate e tenere la gente in Libia, sono stati complici di crimini". Parla dell'Europa e, sempre a scanso di equivoci, dell'Italia in particolare. E i crimini in questione non sono dispettucci: torture, violenze, abusi, riduzione in schiavitù etc, perpetrate e reiterate anche sino alle estreme conseguenze su grandi quantità di persone assolutamente inermi, anche e soprattutto donne e minori . E se Amnesty dice complici intende complici, termine che riassume splendidamente il livello abissale di degrado in cui è sprofondata la politica in questo periodo storico (Trump docet), e magnicamente sintetizzato nel nostro bel paese dalla pletora di sfaccendati sgrammaticati miracolati senza arte ne parte che si candidano a governarci. E soprattutto, termine che ci spedisce per direttissima ai livelli di civiltà di Ungheria, Slovacchia e qualche altra merdosa repubblichetta ex sovietica 
che in Europa io ancora mi chiedo cosa minchia ci stiano a fare visto che oltre tutto pretendono pure di fare come cazzo gli pare. 
 Io di Amnesty International mi fido eccome. Molto molto più di quanto mi fidi dei complici. E perciò forse sarebbe il caso di chiedermi in questo cazzo di Europa cosa ci stia a fare io, e tutti quelli che come me ambiscono al fantascientifico privilegio di vivere in un paese civile. 
Vergogna vergogna vergogna.


giovedì 7 dicembre 2017

"Priorità è una canzone pazza che cantare mi fa.."

prego siore e siori notare che sulle prime pagine dei quotidiani di oggi non vi è traccia dell'abominevole affronto fascista al gruppo La Repubblica/L'Espresso. Ad eccezione del Fatto Quotidiano, la stampa italiana non riporta in prima pagina questo sfregio che sfregio lo è alla stampa italiana tutta, indaffaratissima invece a dedicare l'headline a vere questioni di vita o di morte tipo la rinuncia di quel grande statista di Half-ano a ricandidarsi. 
 In fin dei conti si sa, "so ragazzi". A volto coperto, ma pur sempre ragazzi.


mercoledì 6 dicembre 2017

The Pitiful People

Questo Don Antonio Mattatelli è intervenuto pesantemente sulla presenza di Marylin Manson nel programma Music di Paolo Bonolis, invitando lo stesso all'obiezione di coscienza con rifiuto a presentarlo, ed il pubblico a non guardarlo . 
Lo ha fatto anche a nome della conferenza episcopale degli esorcisti (o qualcosa del genere, non ricordo la dicitura precisa) essendo Manson "l'ultima e più importante rappresentazione iconica del demonio", pericoloso perciò per il pubblico, specie quello piu' giovane e vulnerabile. 
Ricordo innanzitutto al signor Mattatelli che i fans della attempatella "icona" proprio di primo pelo non lo sono più manco loro e che proprio per questo l'ex star del rock trucid-trash è già stato archiviato alla voce "reperti storici provanti la pecoreccita' degli americani" assieme al Wrestling, a Blockbuster, al Rock Cafè, a Tiffany, al Gerry Springer Show, e tutte ste cosucce favolose che ormai interessano solo i turisti giapponesi che vanno per musei delle cere (e ceroni, nel caso di Manson) che a proposito ringrazia commosso e deliziato all'idea che qualcuno ancora lo consideri pericoloso (sic) e soprattutto che qualcuno ancora lo consideri. Punto. 
Vado a letto, che è già il 6 dicembre del duemilacazzodiciassette.


domenica 3 dicembre 2017

la svolta ambientalista di Rocco

le difficoltà di erezione possono essere un grosso problema (anzi, il problema sta proprio in quel "grosso"). Sicuramente lo sono. Episodiche, ricorrenti o, nel più malaugurato dei casi, permanenti. I motivi possono essere tanti e le soluzioni non sempre affidabili in termini di controindicazioni. Dalle terribili emicranie post pillolina blu, alle terrificanti pompe idrauliche che funzionano poco e male, e non sempre al momento opportuno, col rischio di ritrovarsi con la nerchia ritta la domenica mattina alla messa. Ma gli esperti che ci sono a fare? 
E Rocco Siffredi di sicuro un esperto di erezioni lo è. Anzi, un virtuoso direi. E Rocco, interpellato dal solito "La Zanzara" su Radio 24, non ha dubbi . Per risolvere il problema agli uomini serve la collaborazione della donna (ovviamente) ma senti come. 
Secondo mister 20 e passa (e mica parliamo di anni) la pincia è il centro del mondo. Un po come l'Amazzonia. E proprio come l'Amazzonia può costituire una minaccia per l'uomo se disboscata. Cioè, secondo questa planetaria eccellenza italiana (una volta tanto possiamo tranquillamente dire eccellenza del cazzo), vero e unico guru del celodurismo (Bossi chi?) la soluzione al problema del pisello svogliato è un immediato e assoluto ritorno al cespuglio selvatico. Avete capito bene, care signore. Via quei cazzi di Gillette Venus e cerette brasiliane, e che la natura faccia il suo corso. L'Amazzonia va urgentemente rinfoltita. 
Ora. Cercate almeno di avere compassione per il fatto che ho scritto di sta roba con grande difficoltà e senso di disagio, e che solo al pensiero dell'Amazzonia rinfoltita mi vengono le bolle come reazione psicosomatica. 
E allora perchè l'ho scritto? Semplice: perchè un esercito di guerrieri con lo stinchetto peloso in bella vista e il pisello moscio in letargo permanente in una mutanda Calvin Klein non serve assolutamente a un cazzo di nessuno. 
Nemmeno a me.

giovedì 30 novembre 2017

maledetta primavera

tanto puzzo su come lo Stato intervenga lentamente e male dopo catastrofi come terremoti o alluvioni. Molto meno puzzo sulle decine (quasi trecento) di stronzi che si sono accaparrati i fondi preposti alla ristrutturazione di abitazioni terremotate per dare una sistematina alla casa delle vacanze, un grazioso re-styling che ops, però ammonta a quasi un milione di euro. Pubblici. E parliamo di una sola prima indagine. Ora ne partiranno altre. E qualcosa mi dice che ci aspettano sorpresone. 
 Che però, appunto, non scandalizzano nessuno, di cui però appunto non si parla granchè, perchè tanto è tutta colpa dei politici, dei poteri forti, delle lobby, della casta, di Loretta Goggi, dei sette nani. Di tutti ma non nostra. Noi passavamo di là. 
La verità è che più passa il tempo e più mi convinco che siamo appunto un paese di stronzi, un popolo di merda, di trafficoni opportunisti, da nord a sud, da destra a sinistra, dall'alto al basso, da dentro a fuori. Che l'occasione di fare i furbi magari non ce la andiamo a cercare. Ma di sicuro quando cè non ce la lasciamo sfuggire. 
 E è proprio in base a questo elementarissimo assunto che credo fermamente che non sia un caso che sia proprio questo variopinto caravanserraglio di svalvolati bombisti ignoranti nulla facenti (da destra a sinistra e figuriamoci le new entry) a candidamente candidarsi a governarci dal prossimo anno. 
Maledetta primavera.


martedì 28 novembre 2017

il biotesta-dicazzo

quel poveraccio di Salvini interpellato su un argomento serissimo e sensibilissimo come il biotestamento l'unica cosa che ha saputo dire è "più che della buona morte io mi occupo dei vivi".
Purtroppo quello che questo grande statista sembra non sapere è che il biotestamento è una cosa che riguarda cittadini vivi, cittadini in condizione di estrema vulnerabilità e sofferenza, spesso condivise (anche economicamente) dalla famiglia intera, cittadini che hanno più di un buon motivo per sentirsi offesi e feriti da sta roba.
Di preciso cosa cazzo abbiamo fatto per ridurci a meritare sto pattume?

giovedì 23 novembre 2017

Tosc-anal

Quando in tv mi imbatto nella sindaca di Cascina, difronte a tanta strabordante diarrea di pressappochismo e ignoranza ho vergogna di essere toscano. 
Ps: e a proposito. Dato che non stiamo parlando della sindaca di Rio de Janeiro ma di una piccola e piuttosto ininfluente (con rispetto) cittadina di provincia, perché la signora è così spesso nei talk più importanti della tv italiana? Perché le sue pecorecce perle di saggezza sono ritenute più indispensabili per il pubblico di quelle, che so, del sindaco di Viterbo o di Casale Monferrato o di Ligonchio? Chissà.


il paese di merda

il parlamento della Gran Bretagna di quella vecchia cessa di Theresa May, uno dei personaggi politici più brutti e catastrofici che la storia moderna ricordi (e almeno tre sono proprio britannici) nel riadattare leggi e normative europee alla sola propria legislatura (dopo il merdone di brexit) scarica l'articolo che definisce gli animali "senzienti", tornando così a ritenerli, con un bel carpiato all'indietro di una mezza secolata, incapaci di provare emozioni e dolore
 Il paese che torna a smaniare di essere quello della caccia alla volpe istituzionalizzata ad uso e consumo di ricconi depravati e avvinazzati, per quanto me ne frega dopo essere uscito dall'Europa può pure andare a fanculo al largo e sparire dai nostri radar. 
 Di un'altra nazione con leggi e leggine da ex repubblichetta sovietica francamente non si avverte la necessità. Nè la mancanza.

mercoledì 15 novembre 2017

Fatto.

mi sono appena vaccinato. 
L'influenza per una persona mediamente in salute non è pericolosa. Ma è una grandissima rottura di coglioni. E non è necessaria. 
Perciò fatevelo. Che così magari evitate di impestarci coi vostri bacilli di merda. Io lo faccio da anni e non sono diventato particolarmente più autistico. Solo un po più stronzo. 
Ma non sono sicuro che dipenda dai vaccini.


il terzo cesso

Diego Fusaro a La7: la sinistra si occupa del "terzo sesso" (era dai tempi di Cronaca Vera negli anni 70 che non lo sentivo) e trascura i bisogni sociali. 
La informo sommessamente che non esiste un "terzo sesso" e che gli uomini e le donne lgtb hanno un pisello o una passera (al più con qualche aggiustatina in corsa), non un'astrusa decorazione astratta (e perciò i sessi restano due, se la matematica non mi tradisce) e che tutelare quella comunità (che è una minoranza) è comunque ascrivibile alla voce "bisogni sociali" dato che si, probabilmente campiamo un po di paillettes e Lorelle Cuccarini, ma mica solo. 
Io penso che lei sia un uomo estremamente intelligente. Ed estremamente disturbato. Non si crucci: succede.


martedì 7 novembre 2017

l'importante è finire

la ricerca di un istituto francese dal nome impossibile da memorizzare ci spiega perchè l'uomo dopo aver raggiunto il climax di un momento erotico (presa larga, eh?) finalmente tace, si estranea o dorme. Con grande sollievo delle signore (ma mica solo) arriva la spiegazione scientifica a quello che in genere poteva essere interpretato come una specie di disinteresse dell'uomo nei confronti della partner (o del partner) dopo aver in qualche modo ottenuto ciò che desiderava. 
 Niente affatto: si tratta di una reazione fisica, chimica, non razionale, non emotiva. Il cervello dell'uomo (laddove ve ne fosse uno ma in genere no o comunque non molto) si spegne, in qualche modo si disattiva (caso mai si fosse mai attivato ma in genere no o comunque non molto) per, diciamo così, ricaricarsi a causa di una specie di meccanismo di azione e reazione un po difficile (e palloso) da spiegare in termini scientifici. 
 Ma fidatevi sulla parola. Non è trascuratezza, non è allergia alle coccole post-coito, è chimica, che manco nello spot della Lufthanza con la bambina cagacazzo. 
Perciò non ci pensate e semplicemente godetevi quel magnifico momento in cui i maschi finalmente smettono di scavecciare la minchia e sparare stronzate da bimbi imbecilli di terza elementare, che mediamente è il massimo che ci si possa aspettare da loro in termini di Q.I. 
ps: purtroppo sto meccanismo non si attiva per le donne che continuano a scavecciare la minchia e sparare stronzate pure dopo. Ma questa incommensurabile inestimabile rottura di coglioni se non vi dispiace la lascio volentieri a voi. 
 Almeno questa me la risparmio.



yup

Cioè, ricapitoliamo. Quel beota di Tulliani, il leggendario cognato di Fini, sarebbe andato dalla polizia a Dubai a piagnucolare per i giornalisti che lo "importunavano". E loro più o meno gli avrebbero detto "ah, bravo. Proprio te cercavamo". E lo hanno ingabbiato. 
Sei un mito.


martedì 31 ottobre 2017

Happy Hunting Ground

e allora andiamo con un po di horror in occasione di sta stronzata di Halloween. Tipo i cacciatori appostati ai margini degli incendi per sparare agli animali in fuga. 
Feccia umana, merda splatter, pozzo nero del degrado umano. 
Happy Halloween..


Uncle Stronz

Da un paese di stronzi armati fino ai denti governato da uno stronzo sciroccato che gli stronzi sciroccati li vuole armati fino ai denti per far contenti gli stronzi che finanziano le campagne elettorali degli stronzi come lui, che cazzo vuoi aspettarti se non una carneficina a ogni piè sospinto?


domenica 29 ottobre 2017

la regina è ancora lì. I Sex Pistols, grazie al cielo, no.

40 anni fa proprio oggi usciva il primo e (sia lodato il cielo) unico album dei Sex Pistols che, insieme a qualche altra milionata di miei coetanei corsi a comprare, per poi disfarmene altrettanto rapidamente regalandolo ad un amico. 
Inascoltabile. Per quella che normalmente era la mia tazza di te' questo pensai di quel disco: una merda inascoltabile. 
Sarebbe persino troppo facile sottolineare che l'aver visto negli anni successivi l'iconico Johnny Rotten cimentarsi in quella scemenza di Grande Fratello Vip inglese avrebbe rafforzato la mia convinzione che si fosse trattato solo di una monumentale, riuscitissima montatura. Pur riconoscendo al movimento punk nel suo insieme qualche specie di merito (in primis quello di avet seppellito la grande purga del prog rock) rimango inamovibile nel pensare che nel caso specifico di questo disco e del fenomeno Pistols si sia trattato solo di un gigantesco sfoggio di abilità dell'industria discografica nel creare patacche. Qualcosa che ha più a che fare col talento imprenditoriale di Mc Laren e consorte che con la musica. 
"Dio salvi la regina" si chiamava una delle più celebri canzoni incluse in quel disco. Dio ci scampi e liberi, aggiungerei io.


martedì 24 ottobre 2017

brivido a comando

eggo da più parti di tutti sti brividi a profusione e immancabile stuporone per tale Rita Bellanza a X-Factor. Non seguo più il programma (che pure non mi dispiaceva) perchè pur di non regalare un solo centesimo a Murdoch preferirei ritrovarmi a dover guardare solo Tv 2000, e perciò diligentemente mi vado a cercare qualche video. E quello che trovo è una che canta con (poca) voce (molto) tremula, che non ci fa mancare qualche bello steccone da spavento (ma chi non stona dal vivo, dirà il solito qualcuno? Per la lista completa contattatemi in privato. Ma con calma perchè è lunga) ma che in compenso quando canta fa tante espressioni contrite che nemmeno Janis Joplin dopo che si era trangugiata tre quarti di tutto l'Lsd reperibile nella West Coast, cosa che tra l'altro faceva regolarmente e con una certa scioltezza, e che a me sembra più che altro prontissima per furoreggiare sino alla finale grazie alle solite iperbole dei soliti giudici, alcuni dei quali non esattamente dei mostri di competenza (a partire dalla Maionchi, assolutamente prodigiosa nel non capirci un cazzo nonostante decenni di onorata (sic) militanza nell'ambiente, o quell'Agnelli che se avesse anche solo una remotissima idea di come si fa probabilmente ci sarebbe riuscito lui stesso a vendere qualcosina in più dell'imbarazzante nulla assoluto che si fregia di vantare nonostante uno spiegamento di mezzi con pochi eguali) per poi tornarsene armi e bagagli, nell'arco di neppure tre o quattro giorni dal termine del programma, nello stesso nulla siderale da dove è arrivata, come praticamente il 99% degli illustri predecessori, laddove illustri è, a scanso d'equivoci, un eufemismo. 
Aridatece Ornella Vanoni.


mercoledì 18 ottobre 2017

gente allegra lui l'aiuta

il gruppetto di lacchè che circonda Berlusconi in ogni sua uscita pubblica e ride in modo scomposto ad ogni sua minchiata è una cosa che io guardo ancora con immutato raccapriccio.


lunedì 16 ottobre 2017

le osservatorie

molto toccante. Letterina con supplica di dialogo, dopo aver minacciato sfracelli (e essere andato a un passo dal causarli). 
Perciò c'è qualche anima pia sulla faccia del pianeta che sa spiegarmi alla fine della fiera che cazzo vuole questo buffone col carrè di Puigdemont? 
In compenso noi possiamo approfittarne per consolarci un po sul fatto che evidentemente i peggio buffoni populisti inesperti e incapaci non li abbiamo solo qui in Italia. Tipo un vicepresidente della Camera, senza fare nomi Giggino di Maio, che invocando l'intervento dell'Ocse (manco fossimo in Tanzania) per vigilare sulle elezioni di una regione della Repubblica italiana, non si rende evidentemente conto della gravità della merda assoluta che riesce a far fuoriuscire da quella bocca.


stronzi.

e la notizia del giorno qual'è, che gli austriaci sono stronzi? 
Si sapeva.